Mappe di paesaggio e di comunità

Mappe di paesaggio

Un nuovo strumento di comunità per un sostenibile sviluppo del territorio

Lo sviluppo dell’Ecomuseo del sale e del mare di Cervia attraverso la progettazione condivisa della mappa di paesaggio è l’oggetto di un articolato percorso partecipativo in corso di sviluppo (prevista conclusione a giugno 2015).
Lo strumento Mappa di paesaggio concorre, all’interno del processo costitutivo dell’Ecomuseo, all’affermazione di nuovi significati e valori del paesaggio, dando forma ad un turismo verde ed ecologico, contribuendo alla diffusione del radicamento delle popolazioni nel proprio territorio e comunicando il sistema di informazioni naturali e culturali in esso contenute.

Gli obiettivi del percorso partecipativo sono:
  • sviluppare l’Ecomuseo del Sale e del Mare attraverso modalità partecipative;
  • rendere la comunità cervese parte attiva nella proposta di un nuovo modello di turismo sostenibile;
  • progettare con le associazioni del territorio le forme di valorizzazione dei saperi locali;
  • approfondire il quadro delle conoscenze sul concetto di "paesaggio";
  • valorizzare le realtà organizzate locali attive sui temi di progetto;
  • incoraggiare il punto di vista e la presenza di generazioni e culture differenti;
  • attivare momenti formativi destinati a personale volontario dell’Ecomuseo e alla comunità;
  • dare continuità alle esperienze di partecipazione intraprese dall’Amministrazione.
Le attività del percorso partecipativo sono realizzate grazie al sostegno della Legge regionale n°3\2010 della Regione Emilia Romagna, bando 2014

Vai al bando Scarica il progetto candidato (396.0 Kb)

Il Tavolo di negoziazione

La LR 3/2010 “Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione di politiche regionali e locali” prevede l’istituzione del Tavolo di negoziazione inteso come gruppo di discussione al quale partecipano i portatori di interesse (coloro in grado di mobilitare risorse culturali, economiche e politiche su una determinata questione) per raggiungere un obiettivo comune.

Componenti del Tavolo di negoziazione (55.4 Kb)

Le attività del percorso partecipativo

Il percorso partecipativo si articola in:
  • incontri di coordinamento della Cabina di regia;
  • workshop progettuali del Tavolo di negoziazione;
  • incontri di formazione per facilitatori ecomuseali e seminari aperti al pubblico;
  • iniziative culturali (partecipative e/o interattive) di promozione degli strumenti di sviluppo dell'Ecomuseo.

Gli incontri di formazione e i seminari pubblici

18 dicembre 2014
Quando si dice paesaggio…
A cura di Davide Papotti, docente di Geografia Culturale presso l'Università degli Studi di Parma.
 
15 e 16 gennaio 2015
Paesaggi umani in salina
A cura di Gruppo Memoro, Associazione Banca della Memoria (Chieri).
 
19 marzo 2015

Valorizzare il patrimonio locale
A cura di Maurizio Dondolo, referente dell'Ecomuseo delle Acque del Gemonese (Udine).
 
26 marzo 2015
Ma che cos’è un Ecomuseo
A cura di Donatella Murtas, architetto ed esperta di progetti di sviluppo locale.
 
18 aprile 2015

 Conoscere l’Ecomuseo del Casentino
Visita e incontro con Andrea Rossi, coordinatore della rete ecomuseale.
 
7 maggio 2015 data modificata
Un Ecomuseo del paesaggio
A cura di Raul Dal santo, coordinatore dell'Ecomuseo di Parabiago.
 
dal 28 al 31 maggio 2015
L’Ecomuseo come processo di trasformazione del territorio e della comunità

 Laboratorio con Hugues de Varine, archeologo e museologo francese, padre fondatore degli ecomusei.

Programma dettagliato degli incontri (73.4 Kb) AVVISO per facilitatori ecomuseali (386.1 Kb) QUADERNO 1 Quando si dice paesaggio... (500.9 Kb) QUADERNO 2 Paesaggi umani in salina (176.9 Kb) QUADERNO 3 Valorizzare il patrimonio locale (421.9 Kb) QUADERNO 4 Ma che cos'è un ecomuseo? (470.6 Kb) QUADERNO 5 Un ecomuseo del paesaggio (376.5 Kb)


Le iniziative culturali

15-31 maggio 2015
"Ti racconto una cosa"

Ti racconto una cosa” è una mostra che l’Amministrazione comunale ha realizzato con la partecipazione dei cittadini: chiunque poteva essere il protagonista di questo evento, esponendo un oggetto che esprime il proprio personale rapporto con il sale, il mare, il territorio e la comunità, vale a dire l’Ecomuseo del Sale e del Mare di Cervia. L’inaugurazione della mostra è avvenuta il 15 maggio alle ore 18.00 al Magazzino del Sale Torr e si è conclusa il 31 maggio con la consegna de catologo contenente foto e storie deglioggetti esposti.

AVVISO Ti racconto una cosa (80.1 Kb) Scheda di partecipazione (47.3 Kb)

I documenti

In esito al percorso partecipativo sarà redatto il Documento di Proposta partecipata (ai sensi della Legge regionale 3/2010).

Il DocPP è il prodotto del percorso partecipativo di cui le autorità decisionali si impegnano a tener conto nelle loro deliberazioni (art. 10, prima parte comma 4, LR 3/2010).
E’ redatto dal responsabile del percorso componendo tutti i verbali degli incontri, inviato prima al Tecnico di garanzia per la validazione (art. 16, 2° comma), quindi all’Ente responsabile della decisione amministrativa competente a decidere sull’oggetto della proposta partecipativa. L’Ente responsabile della decisione dovrà dare conto con un atto deliberativo (Giunta o Consiglio) dell’accoglimento in tutto o in parte della proposta contenuta nel DocPP. Qualora la delibera non accolga le proposte contenute nel DocPP, le autorità decisionali devono darne esplicita motivazione (art. 10, seconda parte comma 4).
Il DocPP costituisce la base della delibera dell’Ente responsabile della decisione, nel DocPP devono ritrovarsi tutti gli elementi che possono aiutare l’autorità decisionale a decidere: descrizione dell’oggetto del percorso, motivazione dei bisogni ai quali rispondere, brevissima sintesi del percorso, le criticità e le proposte scaturite.
Per informazioni:
Servizio Progettazione culturale - Piazza Pisacane 2 - Tel 0544/979253 serv-cultura@comunecervia.it
Dott.a Monia Guarino - curatore del percorso - 348.892.9429